advertisement

WhatsApp: torna la bufala della donazione di sangue

Marco dom 6 novembre 2016

Su WhatsApp torna a circolare la bufala della donazione di sangue già smentita da Polizia Postale e Avis di Lucca ad inizio 2016

advertisement
WhatsApp: torna la bufala della donazione di sangue

WhatsApp: tra le catene di Sant’Antonio torna la bufala della donazione di sangue. Si tratta di una falsa richiesta di donazione di sangue che era già circolata sugli smartphone di milioni di utenti nei primi mesi del 2016. Come spesso accade in questi casi, basta che un utente ricominci la catena e che inviti i suoi contatti a condividere per far scatenare l’effetto domino.

Effettivamente, il messaggio è ben confezionato, con un’accorata richiesta che ad un primo acchito potrebbe sembrare reale. Ad inizio anno, anche la Polizia Postale aveva messo in guardia da questo tipo di bufale, affermando che la richiesta di donazione fosse priva di alcun fondamento. Tutti coloro che riceveranno il messaggio, sono invitati semplicemente ad ignorarlo.

advertisement

WhatsApp: bufala innocua, ma non troppo

Questo tipo di bufale, oltre a far perdere tempo, innesca un meccanismo tale che se qualche volta dovesse esserci un bisogno reale, molti utenti non riuscirebbero più a distinguere un richiesta fondata da una bufala. L’Avis di Lucca, chiamata in causa direttamente da questo messaggio, ha nuovamente smentito alcun coinvolgimento. Per fortuna, il messaggio non è di quelli che possano compromettere le funzionalità del vostro smartphone, né carpire dati sensibili.

advertisement