advertisement

Uccide il compagno di scuola e poi si fa un selfie col cadavere

Redazione lun 9 febbraio 2015

L’autoscatto postato su Snapchat come se fosse una foto normale di due amici

advertisement

Uccide il compagno di scuola e poi si fa un selfie col cadavereHa ucciso il compagno di scuola sparandogli in faccia, e dopo ha postato un selfie col cadavere su Snapchat. L’agghiacciante vicenda è successa a Jeannette, Pennsylvania. Gli Stati Uniti si confermano il paese degli eccessi, dove il confine tra realtà e fantasia è davvero molto sottile. L’autore di questo terribile omicidio è Maxwell Morton, 16 anni, che ha ucciso il compagno di scuola Ryan Mangan, suo coetaneo, a colpi di pistola. Come se fosse una cosa normalissima si è scattato un selfie col cadavere, pubblicandolo su Selfie Snapchat, applicazione molto usata soprattutto tra gli adolescenti ed i giovani. I selfie estremi stanno diventando una malattia, ma stavolta il baby-killer ha veramente esagerato.


La particolarità di questa app è che, una volta pubblicate le foto o i selfie, dopo un tempo determinato elimina automaticamente i post. La mamma ha ritrovato il cadavere del figlio e immediatamente ha chiamato la polizia. Le forze dell’ordine hanno interrogato il giovane Maxwell Morton, il quale però ha rigettato qualsiasi accusa. Tuttavia rovistando nella casa del ragazzo gli agenti hanno trovato una pistola di 9 millimetri nascosta sotto le scale del seminterrato. A quel punto il baby-killer è crollato e ha confessato il brutale omicidio. E’ stato arrestato e verrà giudicato come un adulto: il periodo dell’adolescenza per lui è finito.

advertisement
LEGGI ANCHE »
LASCIA UN COMMENTO »