advertisement

Tifosi olandesi devastano Roma: viaggio tra le tifoserie più violente d’Europa

Redazione ven 20 febbraio 2015

Un viaggio allucinante tra i gruppi dove tifo e violenza si mischiano in un connubio micidiale

advertisement

Roma si è liberata dell’incubo olandese dopo la partita di Europa League, ma adesso si lecca le ferite e conta i danni. I due giorni che hanno preceduto Roma-Feyenoord hanno visto protagonisti i tifosi olandesi, che hanno messo a ferro e fuoco la capitale. I tifosi del Feyenoord hanno prima messo a soqquadro Piazza di Spagna, dove visibilmente ubriachi hanno infastidito i negozianti e creato il caos dopo il loro passaggio. Poi a Piazza di Spagna si è scatenato l’inferno, con lanci di lacrimogeni e cariche della polizia sui tifosi olandesi. E’ stata danneggiata la Barcaccia del Bernini, così come la Fontana di Piazza di Spagna è diventata una discarica a cielo aperto. Il problema della violenza negli stadi permane, sia in Italia che in Europa. Andiamo a scoprire le 5 tifoserie più violente d’Europa, dove il tifo si mischia con la violenza e la delinquenza.

#5- Tifosi del Besiktas, i “più violenti tra i violenti”

Tifosi del Besiktas (Foto Flickr- Ayhang)

In Turchia il tifo è generalmente caldissimo per tutte le squadre di club. I tifosi del Besiktas spesso e volentieri si sono fatti notare per episodi di brutale ferocia, tanto da guadagnarsi il poco onorevole titolo di “più violenti tra i violenti”. Recentemente il derby di Istanbul Besiktas-Galatasaray è stata sospesa per l’invasione del campo dei tifosi locali, che hanno lanciato di tutto contro la polizia intervenuta per difendere l’incolumità dei giocatori e dei tifosi del Galatasaray.

#4- Tifosi dell’Olympiakos: quelli del Gate 7

Tifosi dell'Olympiakos (Foto Flickr- RG1033)

Tifosi dell’Olympiakos (Foto Flickr- RG1033)

I tifosi dell’Olympiakos sono conosciuti anche come quelli del Gate 7. Il nome di questa fazione è collegata alla peggiore tragedia dello sport greco verificatasi nel 1981 allo stadio Karaiskakis. Verso la fine della partita Olympiakos-Aek, finita 6-0, i tifosi di casa si riversarono al Gate 7 per festeggiare con i giocatori. Ma i tornelli e le porte erano chiuse, così si creò una calca umana che trasformò il Gate 7 in una trappola mortale. Morirono 21 persone. Nel 2011 alla fine della partita tra Olympiakos e l’odiato Panathinaikos i tifosi locali invasero il campo cercando lo scontro con gli acerrimi rivali. Ne scoppiò una mega-rissa ed un bengala provocò anche un principio di incendio.

#3 I tifosi del Lech Poznan, i più caldi del freddo Est Europa

Tifosi del Lech Poznan (Foto Flickr- Aline blue)

Tifosi del Lech Poznan (Foto Flickr- Aline blue)


Restiamo nel freddo Est Europa, dove in questa poco edificante classifica ci finisco anche i tifosi del Lech Poznan, squadra polacca. E’ una delle tifoserie più calde d’Europa, sia in casa che in trasferta sono presenti tantissimi supporters del Lech Poznan, che infiammano le partite con cori, sciarpate e tifo indemoniato. In un match del 2010, tra rappresentative under 12 di Lech Poznan e Tottenham, trasformarono un palazzetto dello sport in una vera bolgia. Tra i loro modi particolari di esultare c’è quello di dare le spalle al campo, cantare e saltellare. Ma c’è anche l’altra faccia della medaglia. Si dice che i giocatori, prima di andare a giocare a Poznan, devo salutare tutte le famiglie degli ultrà. Altrimenti sono guai!

#2- I tifosi del Millwall, gli inventori del “Millwall brick”

Tifosi del Millwall (Foto Flickr- Ben Sutherland)

Tifosi del Millwall (Foto Flickr- Ben Sutherland)

Il Millwall è una squadra che bazzica tra le serie minori del calcio inglese, ma i suoi tifosi spesso sono saliti alla cronaca della ribalta per episodi di violenza collegati al tifo organizzato. A proposito di organizzazione, i tifosi del Millwall stabiliscono con i fan di altre squadre luoghi “sicuri” dove potersi incontrare per dare vita a dei veri e propri scontri lontani dalla polizia. Si vantano di essere gli inventori del “Millwall brick”, carta di giornale piegata e pressata al punto tale da ottenere la consistenza di una mazza. Un sistema ingegnoso quanto criminale per sfuggire ai controlli della polizia.

#1- I tifosi della Stella Rossa: la tigre Arkan e Ivan il Terribile

Tifosi della Stella Rossa (Foto Flickr- Dezindzer)

Tifosi della Stella Rossa (Foto Flickr- Dezindzer)

Chiudono la classifica delle tifoserie più violente d’Europa i fan della Stella Rossa di estrema destra. Nel 1950 diedero vita al primo vero gruppo di tifosi organizzati. Soprannominati Delije (“Eroi” in lingua serba) non a caso sono gemellati con i tifosi dell’Olympiakos, e spesso hanno dato vita ad episodi di indicibile violenza nei derby contro gli odiati rivali del Partizan provocando morti e feriti. Dalle fila dei Delije proviene Arkan, che con il gruppo delle “Tigri” fu tra i gruppi paramilitari serbi più sanguinari della guerra in Bosnia e Kosovo. Anche Ivan Bogdanov, detto Ivan il Terribile che mise a ferro e fuoco lo stadio di Genova durante Italia-Serbia di qualche anno fa, proviene dalla tifoseria della Stella Rossa.

advertisement
LEGGI ANCHE »
LASCIA UN COMMENTO »