advertisement

Roma – Bangkok di Baby K e Giusy Ferreri: video e testo della canzone

Giuseppe dom 30 agosto 2015

Il tormentone dell’estate 2015 è stato sicuramente Roma – Bangkok, della rapper italiana Baby K in collaborazione con Giusy Ferreri. Ecco il testo del brano

advertisement
Roma – Bangkok di Baby K e Giusy Ferreri: video e testo della canzone

Se proprio dovessimo scegliere il brano tormentone di questa calda estate targata 2015, opteremmo senza dubbio per Roma – Bangkok, pezzo cantato dalla rapper italiana Baby K, di origini singaporiane, in collaborazione con Giusy Ferreri. Il brano è stato prodotto da Alessandro Merli, aka Takagi, e da Fabio Clemente aka Mr. Ketra, ed ha raggiunto numeri da capogiro per quanto riguarda sia le visualizzazioni su Youtube, sia i download sulle principali piattaforme musicali.

Questo grazie non solo ad una canzone fresca e tipicamente estiva, ma anche per merito di un videoclip di successo, diretto da Mauro Russo. Il video di Roma – Bangkok ha però ricevuto numerose polemiche: MTV ha per esempio riscontrato in esso delle “similitudini” notevoli con il video del singolo Pretty Girls di Britney Spears e Iggy Azalea, mentre altri hanno evidenziato il fatto che, nonostante il brano menzionasse Roma e Bangkok, sia ambientato in Puglia.

Ecco il testo di Roma – Bangkok di Baby K e Giusy Ferreri:

Yo, Baby K

advertisement

Vestiti in fretta perché ho voglia di far festa
sai non importa il trucco, la bellezza è in testa
abbiamo visto il cielo piangerci addosso
perciò balliamo ora che il sole è il nostro
Voglio una musica che mi ricorda l’Africa
all’improvviso tutto il mondo cambia pagina
innamorarsi con la luna nel mare
partire e tornare

Senza sapere quando
andata senza ritorno
ti seguirei fino in capo al mondo
all’ultimo secondo
volerei da te, da Milano
fino a Hong Kong
passando per Londra, da Roma e fino a Bangkok
cercando te
Stacca dal tuo lavoro almeno per un po’
la vita costa meno trasferiamoci a Bangkok
dove la metropoli incontra i tropici
e tra le luci diventiamo quasi microscopici

Abbassa i finestrini voglio il vento in faccia
alza il volume della traccia
torneremo a casa solo quando il sole sorge
questa vita ti sconvolge

Senza sapere quando
andata senza ritorno
ti seguirei fino in capo al mondo
all’ultimo secondo
volerei da te, da Milano
fino a Hong Kong
passando per Londra, da Roma e fino a Bangkok
cercando te

Anche i muri di questa città mi parlano di te
le parole restano a metà e più aumenta la distanza tra me e te
giuro questa volta ti vengo a prendere
senza sapere quando

Volerei da te, da Milano
fino a Hong Kong
passando per Londra, da Roma e fino a Bangkok
cercando te…

advertisement