advertisement

Neonata creduta morta, salvata dopo 12 ore di cella frigorifera

Redazione gio 8 novembre 2012

La piccola Luz Milagros è sopravvissuta al freddo di una cella frigorifera per 12 ore. Nata prematura, la neonata era stata dichiarata morta dai medici: i genitori la salvano

advertisement
Neonata creduta morta, salvata dopo 12 ore di cella frigorifera

La notizia è di quelle che lasciano senza fiato. È successo in Argentina in un ospedale di Resistencia: Analia Bouter, incinta di 26 settimane, ha un parto prematuro. Non sembrano esserci speranze per la sua quinta figlia perché è troppo piccola per sopravvivere. Appena nata, infatti, la neonata non dà segni di vita e i medici danno ad Analia la brutta notizia: è morta.Neonata creduta morta: i genitori hanno voluto darle l’ultimo saluto – Avrebbe potuto morire davvero l’ultimogenita di Analia Bouter ma questa volta la terribile storia ha un lieto fine. I suoi genitori, tornati a casa con un certificato di morte dopo il parto prematuro, non riuscivano a non pensare alla neonata. Non accettando l’idea di non averla potuta vedere o toccare, dopo circa 12 ore i due hanno deciso di tornare all’ospedale per poter dare un ultimo saluto alla loro piccolina e per scattarle una foto. Quando l’addetto ha aperto la scatola metallica all’interno della quale era conservato il corpicino della neonata, però, la sorpresa! Toccando la piccola mano di sua figlia,   Analia Bouter si rende conto che la bambina è ancora viva. Dei lamenti forniscono ai genitori la conferma: la neonata creduta morta in realtà è viva, dopo aver trascorso 12 ore al freddo in un obitorio.

advertisement

Il nome della neonata creduta morta sarà Luz Milagros: Miracolo della Luce – Avrebbero voluto chiamarla Luciana Abigail ma la terribile vicenda cui è stata protagonista la neonata di Analia Bouter ha spinto i due genitori a cambiare il suo nome. Si chiamerà Luz Milagros, Miracolo della Luce. La piccola è ancora in ospedale e seppure le sue condizioni siano ancora gravi, giorno dopo giorno diventa sempre più forte. Il team medico che ha assistito la donna durante il parto è stato sospeso per ulteriori indagini. Interrogati, però, tutti hanno affermato che la neonata è nata morta e si sono trovati concordi sul fatto che probabilmente il freddo dell’obitorio le ha permesso in qualche modo di tornare in vita. La vicenda e le sue responsabilità, però, sono ancora tutte da accertare.

advertisement
LEGGI ANCHE »
LASCIA UN COMMENTO »