advertisement

Milano, ladra seriale derubava gli anziani negli ospedali

Redazione ven 20 luglio 2018

La ladra seriale si era ormai costruita una “carriera” fatta di sotterfugi ed inganni che vedevano come vittime preferite gli anziani ricoverati negli ospedali.

advertisement
Milano, ladra seriale derubava gli anziani negli ospedali

Entrava negli ospedali, si fingeva un’infermiera addetta al ritiro dei panni sporchi, diventava anche amica dei malati e nel frattempo rubava le chiavi di casa degli anziani e la svaligiava. Questo era il “modus operandi” di Vincenza Oziosi, ladra seriale 52enne che mercoledì è stata arrestata per una serie di furti commessi ai danni degli anziani. La donna in realtà ha una lunga “carriera” di delinquente alle spalle in quanto le sue imprese risalgono addirittura al 2006, quando fu denunciata per lesioni e tentata truffa. Il suo “habitat” naturale era rappresentato dalle corsie degli ospedali dove poteva muoversi liberamente, rubare le chiavi di casa e fare piazza pulita mentre gli ignari anziani erano impegnati nelle terapie.

advertisement

Recentemente la donna si è data molto da fare, forse troppo, poiché nella stessa giornata ha messo a segno ben due colpi. Una donna 87enne aveva denunciato il furto della sua borsa attaccata alla sedia a rotelle del marito, ricoverato in una casa di riposo a Cesano Boscone. Tornando a casa in compagnia di altre due amiche l’anziana ha trovato Vincenza Oziosi che rovistava tra i cassetti, costringendola alla fuga precipitosa tra urla e spintoni alle povere donne.

Qualche ora dopo un’altra anziana si era recata in commissariato per sporgere denuncia, dichiarando di aver trovato la Oziosi invitata a casa per un caffè che cercava oggetti preziosi nella camera da letto. La ladra seriale ha prima inventato una storia strappalacrime, poi ha minacciato l’anziana donna prima di fuggire. Gli agenti del commissariato Lorenteggio sono riusciti a risalire alla ladra, tra l’altro già nota alle forze dell’ordine, per la quale sono scattate le manette.

Fonte foto: pixabay

advertisement
LEGGI ANCHE »
LASCIA UN COMMENTO »