advertisement

L’amico di famiglia molestava la figlia, arresti domiciliari in attesa del processo

Luca gio 16 marzo 2017

Un 40enne della provincia di Napoli aveva atteggiamenti sessualmente espliciti con la figlia di un amico, scoperto è stato denunciato

advertisement
L’amico di famiglia molestava la figlia, arresti domiciliari in attesa del processo

Per un padre i bambini sono una delle cose più importanti che esistono, a volte, piuttosto di non lasciarli da soli li si lascia insieme ad amici di famiglia. Questi amici solitamente sono persone fidate, buone d’animo e con buon senso, aiutano il/la bambino/a a crescere come se fosse loro stesso figlio/a. Purtroppo a Quagliano, in provincia di Napoli, non è successo così.

I primi dubbi

Un padre ha lasciato che un amico prendesse contatto con la famiglia e quindi anche con la figlia di 11 anni. L’uomo ha iniziato a fare alcuni regali alla piccola ma senza preoccupazioni da parte del genitore. Qualche dubbio è cresciuto quando la quantità di doni aumentava, come anche la presenza dell’amico nella loro abitazione o nelle uscite.

La giornata in piscina

advertisement

I dubbi si sono fatti insistenti quando è successo qualcosa di particolare durante una giornata in piscina. Quel giorno, come ormai d’abitudine, l’amico era andato con la famiglia in piscina e aveva trascorso del tempo in acqua con la piccola. Una volta usciti dall’acqua il padre ha notato un’eccitazione alquanto preoccupante da parte dell’amico. Tornati a casa ha iniziato a fare domande abbastanza circoscritte alla piccola che ha risposto svelando un segreto drammatico.

La confessione

La piccola veniva toccata nelle parti intime e nel seno dall’adulto, l’uomo si abbassava i pantaloni mostrando i genitali e volendo un contatto con la bambina. La piccola, shockata, rispondeva di smetterla ma non trovava consenso.

La denuncia

Una volta scoperta la verità il padre ha denunciato l’amico 40enne ai carabinieri che l’hanno messo agli arresti domiciliari, in quanto accusato di atti sessuali nei confronti di un minore, e in attesa dell’interrogatorio e del processo.

advertisement