advertisement

Jamie Hilton, ex Miss Idaho, salva grazie alle ossa del cranio nello stomaco!

Redazione lun 1 ottobre 2012

Jamie Hilton è salva grazie ai chirurghi che le hanno impiantato le ossa del cranio nello stomaco. Oggi la sua vita è normale e lei può raccontare la sua triste avventura!

advertisement
Jamie Hilton, ex Miss Idaho, salva grazie alle ossa del cranio nello stomaco!

(Foto: Leggo.it)

Impiantarle le ossa del cranio nello stomaco è stata la soluzione che i medici hanno scelto per salvarle la vita. Lei è Jamie Hilton, ex reginetta di bellezza eletta nel 2009 Miss Idaho!
Le ossa del cranio nello stomaco: tutto a causa di un banale incidente – Nel giugno scorso Jamie Hilton e suo marito Nick hanno deciso di andare a pesca. Un passo falso però le ha cambiato completamente la vita. Jamie, infatti, ha battuto la testa sul cemento dopo essere caduta da un’altezza di  circa 10 m. Grazie al tempestivo intervento di suo marito e di suo cognato, Jamie Hilton è stata prontamente soccorsa e oggi può raccontare la sua incredibile storia!

advertisement

Impiantare le ossa del cranio nel suo stomaco: le motivazioni della “strana” scelta medica – In seguito alla sua caduta, Jamie Hilton ha riportato un grave trauma cranico. Le sue condizioni erano abbastanza critiche tanto che i medici le davano soltanto il 50% di possibilità di sopravvivere. Nel corso del primo intervento chirurgico le è stato esportato il 25% delle ossa del cranio in modo da permettere al suo cervello di guarire. Per fare in modo che si conservassero adeguatamente fino al reimpianto, i chirurghi hanno deciso di inserirgliele nello stomaco considerandolo un ambiente sterile e ben irrorato. Quando il cervello di Jamie Hilton poi è tornato normale, i medici le hanno nuovamente sistemato le ossa del cranio.

Oggi Jamie Hilton ha una vita normale come racconta lei stessa al Nydailynews: può camminare, leggere, accompagnare i suoi figli a scuola, ballare… Quella brutta cicatrice sul ventre però testimonierà per sempre la sua pericolosa avventura.

advertisement
LEGGI ANCHE »
LASCIA UN COMMENTO »