advertisement

Italia ripescata per i Mondiali di calcio: clamorosa ipotesi dal Perù

Luca mer 22 novembre 2017

In Perù una legge potrebbe far escludere la nazionale del paese ai prossimi Mondiali di calcio, l’Italia quindi potrebbe essere ripescata

advertisement
Italia ripescata per i Mondiali di calcio: clamorosa ipotesi dal Perù

Si sente ancora pesantemente la mancata qualificazione, da parte dell’Italia, ai mondiali di calcio che si terranno in Russia nel 2018. Già avevamo esaminato qualche caso per capire se la nostra Nazionale potesse essere ripescata agilmente, non trovando però soluzioni alla portata e ovviamente sperando in nessuna guerra o conflitto civile. In queste ultime ore però una piccolissima possibilità sembra emergere.

advertisement

Il Perù si è qualificato ai Mondiali dopo ben 35 anni dalla sua ultima volta, battendo la Nuova Zelanda; in questi giorni però si sta discutendo, all’interno della politica dello stato, di un’approvazione di una legge che potrebbe far storcere il naso alla FIFA. La proposta di legge arriva da Paloma Noceda, presidente della commissione Istruzione, Gioventù e Sport del parlamento della Capitale Lima, che vorrebbe che la Federcalcio locale (FPF) passasse sotto il controllo dell’Istituto peruviano dello sport, un organismo statale. Dal suo canto la FIFA non vuole legami tra federazioni calcistiche e politica e proibiscono a tutte le squadre che li presentano di partecipare a manifestazioni e tornei. Già la Nigeria nel 2014 è stata colpita da questo caso.

Se il Perù quindi venisse escluso, diverse sarebbero le nazionali pronte a organizzare la spedizione in Russia: la Nuova Zelanda, squadra battuta nello scontro diretto; il Cile in una buona posizione nel ranking internazionale (la prima tra le non qualificate); infine Italia e Olanda che rappresentano le squadre con minor possibilità di ripescaggio essendo in posizioni più basse nel ranking. Molto minima, ma pur sempre una possibilità a cui aggrapparsi.

advertisement