advertisement

Pubblicati i redditi dei politici italiani dichiarati per il 2017

Luca sab 17 marzo 2018

Pubblicati, sul sito di Camera e Senato, i redditi dichiarati dai parlamentari per l’anno 2017: molti gli aumenti ma diversi anche i cali

advertisement
Pubblicati i redditi dei politici italiani dichiarati per il 2017

La polemica maggiore, a cui quasi sempre si arriva quando si parla di politica, sono gli stipendi molto alti dei parlamentari. Con la pubblicazione, sui siti della Camera e del Senato, dei redditi dei politici italiani per quanto riguarda l’anno scorso, il 2017, possiamo entrare nel particolare e vedere quanto guadagna ogni singolo parlamentare.

L’accrescimento maggiore lo ha fatto verificare Beppe Grillo, con un aumento pari a sei volte la cifra del 2016: oltre 400mila euro, 350mila in più; la motivazione, probabilmente, risiede nel fatto che ha ricominciato il tour di spettacoli e serate, che conseguentemente hanno aumentato i suoi guadagni. Luigi Di Maio rimane stabile sui 98.471,04 euro, verificando nessun cambiamento.

Matteo Renzi, ex segretario del PD, ha dichiarato 107.100 euro.

Giorgia Meloni, capogruppo di Fratelli d’Italia, aumenta leggermente i guadagni, arrivando a 98.421 euro.

Il Presidente del Senato e capogruppo di Liberi e Uguali, Pietro Grasso, ha avuto un calo di quasi 20mila euro, passando da 340.563 euro a 321.195 euro. In calo anche Laura Boldrini, che passa da 144.883 euro a 137.337 euro.

I ministri del governo Gentiloni vedono Valeria Fedeli al comando (da 180.921 nel 2016 a 182.016 nel 2017), seguita da Calenda (da 102.058 a 166.264) e Franceschini (da 148.692 a 145.044); nelle ultime posizioni troviamo Maurizio Martina (con 98.441) e Beatrice Lorenzin (con 91.888), candidata alle ultime elezioni. Sempre per quanto riguarda il governo troviamo Anna Finocchiaro con 151.672 euro, Pier Carlo Padoan con 122.457 (triplicato rispetto al 2016), Gentiloni con 107.401, Poletti con 104.435, Delrio con 102.890, Marco Minniti con 92.260, Andrea Orlando con 94.709, Maria Elena Boschi con 95.971, Angelino Alfano con 98.478.

Per i senatori a vita troviamo Mario Monti e Giorgio Napolitano, rispettivamente con 421.611 e 121.372 euro. Il primo, considerando che nel 2016 aveva dichiarato 862.333 euro, ha avuto un vero e proprio dimezzamento e anche il secondo ha avuto un calo, passando dai 130.022 dell’anno precedente.

A cifre inarrivabili sono però Alberto Bombassei (parlamentare del gruppo misto e titolare di Brembo) con 5.198.751 euro, Antonio Angelucci (Forza Italia e “re” delle cliniche) con 2.726.959 euro e Giulio Tremonti (ex ministro dell’economia, oggi senatore) con 2.111.533 euro.

advertisement