advertisement

Google, arriva l’algoritmo che “sgama” le bufale sul web

Redazione lun 2 marzo 2015

Stop alle bufale che circolano sul web, ecco la mossa di Google

advertisement
Google dice stop alle bufale (Foto Flickr- Carlos Luna)

Google dice stop alle bufale (Foto Flickr- Carlos Luna)

Google dice stop alle bufale. Dici la verità, quante volte è capitato anche a te di caderci come un pollo? Dalla ragazza con tre seni fino al premio in denaro per chi ospitava ragazze ucraine passando per il servizio militare obbligatorio. Quante bufale ci è capitato di leggere senza nemmeno saperlo? Ma ormai hanno vita breve, almeno su Google. Finora i risultati delle ricerche venivano classificati in base alla popolarità di un articolo. Il nuovo algoritmo invece premierà i siti maggiormente affidabili, scartando invece quelli meno attendibili che contengono notizie infondate o totalmente false.


Nelle pagine di Google i siti premiati sono quelli maggiormente linkati e che quindi hanno il maggiore numero di visite. Tra poco le cose cambieranno. Per fare un esempio in prima pagina di Google spesso e volentieri campeggiano articoli sulle ricerche del vaccino. Ma questi stessi siti si copiano uno con l’altro, spesso non hanno una base scientifica alle spalle e si citano a vicenda probabilmente per salire nella graduatoria di Google.

Il nuovo algoritmo verifica quanto viene detto all’interno di un articolo tramite Knowledge Vault, un enorme archivio che Big G sta mettendo in piedi e che contiene circa 1,6 miliardi di fatti verificati. Quei siti che contengono notizie sballate o non verificate retrocedono, mentre quei siti dove le notizie sono ritenute veritiere sono considerati affidabili e salgono di graduatoria.

advertisement
LEGGI ANCHE »
LASCIA UN COMMENTO »