advertisement

Gamberi “pompati” in Vietnam, trattati con una sostanza sconosciuta [VIDEO]

Giuseppe gio 6 ottobre 2016

Un dossier inquietante: alcuni gamberi vengono trattati chimicamente per alzare il prezzo, tramite una sconosciuta sostanza chiamata CMC. Cosa conterrà?

advertisement
Gamberi “pompati” in Vietnam, trattati con una sostanza sconosciuta [VIDEO]

Spesso sorge il dubbio su cosa stiamo effettivamente mangiando. Tutti gli alimenti confezionati e poi venduti in supermercati e affini vengono “trattati” ulteriormente tramite delle procedure più o meno ortodosse. Ciò che ci vuole mostrare questo filmato va ben oltre “l’ortodossia” citata poc’anzi: alcuni gamberi, infatti, vengono “pompati” con una sostanza gelatinosa al fine di renderli più appetibili e, quindi, più costosi.

advertisement

Grazie ad un’iniezione praticata sulla testa, nel corpo e sulla coda del gambero, esso potrà aumentare il proprio peso di circa 200 ettogrammi, creando quindi l’illusione che sia originariamente più corposo e, quindi, più saporito e fresco. In realtà è stato imbottito di una sostanza chimica composta da glucosio, gelatina e CMC. È quest’ultima a preoccupare gli esperti: CMC è infatti la sigla della CarbossiMetilCellulosa, usata addirittura in campi avulsi a quello culinario. Basti pensare che viene adoperata negli smalti, nell’industria tessile e per stabilizzare detergenti e saponi. Le industrie che la utilizzano negano in qualsiasi modo l’eventuale tossicità della CMC, ma le perplessità persistono.

advertisement