advertisement

Frankenweenie, il nuovo film d’animazione di Tim Burton

Teresa gio 31 gennaio 2013

Candidato agli Oscar 2013, Frankenweenie è il nuovo film d’animazione di Tim Burton, realizzato in 3d e stop motion, che ci regala un nuovo (ma non troppo) inquietante quanto adorabile personaggio

advertisement
Frankenweenie, il nuovo film d’animazione di Tim Burton

Il progetto – Tim Burton tira fuori dal cassetto uno dei ricordi a cui tiene di più: si tratta del cortometraggio omonimo dell’84, che all’epoca, non solo ottenne poco successo, ma gli costò addirittura il licenziamento dalla Disney.
Ma la storia non poteva andare perduta, e allora, con gli attuali strumenti di cui dispone il cinema di animazione e di cui Burton fa mirabile uso, ecco che Sparky, così come nel film è riportato in vita da un fulmine, qui torna a scondinzolare grazie alla graphic animation.

Frankenweenie

Sparky in una scena del film

La trama – Victor Frankenstein è un ragazzino solitario e innamorato della scienza; quando il suo migliore amico, il bull terrier Sparky, viene investito da un auto, non riesce ad accettare la sua scomparsa e mettendo in pratica la lezione del professor Rzykruski – che anima le zampe di una rana morta con l’elettricità – riporta in vita il fedele amico.

Il nuovo Sparky avrà fattezze mostruose (i suoi pezzi sono stati ricuciti da Victor alla meglio) e il suo padrone lo terrà nascosto fino a quando la smania degli esperimenti non travolgerà i bambini della sua classe.

Nella cittadina di New Holland, dove la vita scorre tranquilla, gli abitanti considerano la scienza un’attività inutilmente pericolosa che distoglie i loro figli da ciò che è veramente importante.

Victor e Sparky però, dimostreranno a tutti quanto l’amore e l’amore per la scienza possano fare cose sorprendenti, anche sconfiggere la morte.

Il film è candidato agli Oscar 2013 come miglior film d’animazione ed è nelle sale italiane dal 17 gennaio. A produrre e distribuire il film è proprio la Walt Disney Picture: Burton e Disney ci hanno riprovato quindi, ma stavolta, le sorti di Frankenweenie sembrano decisamente differenti.

advertisement