Festival di Yulin in Cina: un massacro di cani disumano ed insensato

Redazione ven 21 giugno 2019

Riparte il festival di Yulin in Cina, una manifestazione macabra e atroce che prevede l’uccisione di migliaia di cani e gatti in modo disumano.

Festival di Yulin in Cina: un massacro di cani disumano ed insensato

Dal 21 al 30 giugno 2019 si svolgerà il festival di Yulin in Cina, una delle manifestazioni più macabre del mondo che prevede l’uccisione di centinaia di cani e gatti. L’intento finale è quello di consumare la carne di questi animali, i quali però vengono sottoposti a terribili torture e sevizie come lo scuoiamento vivo prima di essere uccisi. Secondo gli organizzatori gli animali terrorizzati rilasciano una sorta di ormone che dona maggior sapore alla carne, ma è una scusa che comunque non giustifica l’orrore che si verifica nelle strade di questa città e nasconde evidentemente il desiderio perverso di vedere poveri animali soffrire. La cosa paradossale è che questo festival crudele e disumano è nato con l’intento di alimentare il turismo ed infatti non sono pochi i visitatori che giungono da diverse città del mondo per assistere a questo macabro “spettacolo”.

Festival di Yulin in Cina: la guerra dichiarata degli animalisti

Il festival ha una vasta eco in tutto il mondo ed ovviamente richiama anche l’attenzione degli animalisti. Il governo cinese se ne lava le mani sostenendo che è una semplice manifestazione culturale e popolare, ma non la pensano così i diversi gruppi di animalisti attivi in ogni angolo del globo. In Italia uno dei più combattivi è Davide Acito, un 32enne che con la sua organizzazione “Action Project Animal” prova ogni anno a salvare quanti più cani possibili recandosi direttamente in Cina. Come spiega Acito non si tratta solo di randagi, ma molto spesso cani e gatti vengono rubati alle loro famiglie per questo ignobile festival. Molti cittadini cinesi non approvano questa barbarie e forse è giunto il momento che anche i governi si attivino per porre fine a quella che è da diversi anni una mattanza a cielo aperto di animali indifesi ed innocenti.

Fonte foto: pixabay

LASCIA UN COMMENTO »