advertisement

Fa stuprare la figlia da 1800 uomini perché appartenente a una setta satanica

Redazione mer 24 settembre 2014

Una ragazza di origini gallesi ha voluto svelare i terrificanti retroscena di una setta satanica che stuprava i bambini

advertisement
Fa stuprare la figlia da 1800 uomini perché appartenente a una setta satanica

Una ragazza di origini gallesi ha raccontato in un libro, “The Devil on The Doorstep: My Escape from a Satanic Sex Cult”la sua terribile infanzia tra stupri, sesso di gruppo e riti satanici. Annabelle Forest, pseudonimo della ragazza, in un’intervista al Daily Mail ha lanciato pesantissime accuse contro la madre Jacqueline Marlengo, rea di averla iniziata a questa setta satanica dedita completamente al sesso, guidata da Colin Batley.

Setta satanica e sesso: “Se non lo fai andrai all’inferno”

Annabelle racconta che Batley aveva una forte personalità, un grande carisma ed una notevole influenza sulla sua comunità, che lo assecondava in tutto e per tutto. La contorta e malata ideologia di Batley era racchiusa nel “Libro della Legge” di Aleister Crowley, controversa figura britannica considerato da alcuni il padre dell’occultismo ed ispiratore del satanismo. “Mi ha convinto che non avevo scelta– racconta Annabelle- quando mi ha stuprato a 11 anni. Colin ha guidato la nostra comunità con una volontà di ferro.  Ci ha detto che dovevamo obbedire a qualunque cosa ci diceva altrimenti avremmo fatto arrabbiare Dio”. L’odio della ragazza verso quest’uomo è viscerale, ma il rancore verso la madre è ancora maggiore: “Non capisco come possa essersi prestata a questo tipo di cose. Io ero sua figlia, era innaturale che mi concedesse in questo modo. Non ho intenzione di vederla mai più e non la perdonerò mai per quello che mi ha fatto”.

Un’infanzia infernale per Annabelle

Annabelle spiega che a soli sette anni è stata costretta a guardare la mamma Jacqueline mentre faceva sesso con Colin Batley, il capo della setta satanica. Lo stesso Batley ha violentato Annabelle all’età di 11 anni. Poi a 14 anni è stata iniziata ad orge di gruppo, in cui partecipavano altre famiglie e vicini di casa. E’ stata quindi obbligata a prostituirsi per raccogliere fondi da destinare alla setta satanica. A 14 anni tentò il suicidio dopo essere stata violentata dalla madre: “Ero una studentessa normale di giorno, e una schiava del sesso di notte”. A 17 anni, dopo l’ennesimo stupro da parte di Batley, Annabelle rimase incinta e diede alla luce un bambino che gli fu sottratto subito dopo la nascita. Questo inferno è durato fino alla maggiore erà, in tutti questi anni ha raccontato di aver fatto sesso con oltre 1800 uomini. E’ riuscita finalmente a scappare, e ha denunciato sua madre, il suo aguzzino e tutti i seguaci della setta satanica. Il patrigno e la mamma sono stati condannati rispettivamente a 11 e 12 anni di carcere per violenza su minori. Annabelle ora vuole riprendersi la sua vita in mano, e ha deciso di affidare ad un libro le sue esperienze per svelare le nefandezze nascoste dietro le sette sataniche affinché nessun altro bambino debba ripetere la sua infanzia infernale.

Fonte foto: youtube

advertisement