advertisement

È morta Sophia Pirisi: non è riuscita ad accedere alla cura Stamina

gio 6 giugno 2013

Sophia Pirisi era una delle bambine attualmente in attesa della cura Stamina. Nonostante avesse avuto l’approvazione dal tribunale, non è riuscita a sopravvivere a causa delle lunghe liste d’attesa

advertisement
È morta Sophia Pirisi: non è riuscita ad accedere alla cura Stamina

(foto: CMRF_Crumlin – Flickr)

È morta Sophia Pirisi una delle molte bambine attualmente in attesa di poter avere accesso alla cura Stamina portata avanti da Davide Vannoni. Era affetta da Sma1 e aveva solo 6 mesi di vita. La notizia ha fatto il giro del web e molti messaggi di dispiacere sono giunti sulla bacheca della iena Giulio Golia: non si tratta, però della stessa bambina il cui caso è stato portato alla luce proprio dalla famosa trasmissione televisiva.
Sophia Pirisi e la lunga attesa per l’accesso alle cure con le cellule staminali – Seppure i benefici della cura Stamina siano stati portati alla luce proprio dai genitori di Sofia De Barros, la bambina di Firenze di cui si è occupato Giulio Golia, il Governo sembra stentare ancora a dare il completo via libera. Proprio per andare incontro e offrire una possibilità a bambine come Sophia Pirisi e Sofia De Barros fino a pochi mesi fa era c’era stata un’apertura da parte del Senato tramutatasi, poi, in una marcia indietro. Attualmente la cura Stamina può essere effettuata soltanto presso gli Spedali Civili di Brescia: nonostante la piccola Sophia Pirisi avesse ottenuto dal tribunale l’accesso alle cure con le staminali, la lunga lista d’attesa creatasi non le ha di fatto permesso di usufruirne.

advertisement

Sophia Pirisi e gli aggiornamenti del Ministero della Salute – Probabilmente sollecitato dalla morte della piccola Sophia Pirisi e in seguito alla risonanza che casi come questi hanno sull’opinione pubblica il Ministero della Salute sembra essersi sbloccato. In un comunicato stampa, infatti, sottolinea che sin dall’approvazione da parte del Senato della legge 57/2013  che dà il via libera alla sperimentazione, i principali Enti statali del settore hanno avuto riunioni periodiche per cercare di definire gli aspetti tecnici della stessa sperimentazione. Informano, inoltre, che sarà a breve emanato un ulteriore decreto ministeriale che dovrebbe, a quanto sembra, definire nel dettaglio proprio questi aspetti tecnici così da poter avviare le sperimentazioni della cura Stamina dal prossimo 1° luglio 2013.

Speriamo che sia così perché storie come quella di Sophia Pirisi non si possono accettare.

advertisement