advertisement

Chi era Andreas Lubitz

Redazione ven 27 marzo 2015

Depressione e la rottura con la propria fidanzata alla base del gesto suicida del pilota tedesco

advertisement

Andreas Lubitz

In questi giorni tutto il mondo sta parlando dell’incidente dell’Airbus Germanwings, l’aereo caduto il 24 marzo sulle Alpi francesi che ha provocato la morte di 150 persone, 144 passeggeri e 6 membri dell’equipaggio. Lo schianto fino a poco tempo fa era avvolto del mistero: l’aereo non segnalava avarie né erano giunti S.O.S. da parte dei piloti. Si era pensato anche ad un atto terroristico. Poi dopo il ritrovamento della scatola nera è emersa la tragica verità: il copilota Andreas Lubitz ha deliberatamente schiantato l’aereo suicidandosi, portandosi sulla coscienza alte 149 persone.

Ma chi era Andreas Lubitz? E per quale motivo ha compiuto questo folle gesto? Apparentemente la vita di Andreas Lubitz, pilota 28enne tedesco, sembrava normale. Si divideva tra la casa dove abitavano i genitori ed il fratello ed un’altra a Dusseldorf dove viveva con la fidanzata, con la quale si sarebbe dovuto sposare tra un anno. Sembra però che i due ragazzi si siano lasciati, e questo potrebbe essere stato uno dei motivi che ha scatenato la depressione di Andreas Lubitz.

advertisement

Andreas Lubitz 2

In effetti scavando nel passato del pilota si scopre che qualche problema lo ha avuto. Nel 2008 durante il corso di addestramento è stato retrocesso più volte e decise di abbandonarlo. Poi lo riprese ma nel 2009 gli fu diagnosticato un grave episodio depressivo. Nonostante tutti i problemi però portò a termine l’addestramento come pilota e, dopo aver superato tutti i test medici, fu ritenuto idoneo e adatto al volo. Evidentemente però la forma di depressione, aggravata dalla rottura con la ragazza e dallo stress lavorativo, si è aggravata.

Fino a quel maledetto 24 marzo, quando Andreas Lubitz, approfittando dell’assenza momentanea del suo collega, ha deliberatamente fatto schiantare l’aereo bloccando la porta della cabina di pilotaggio ed impedendo a chiunque di entrare. Non è sceso però in picchiata, perché in questo caso i computer di bordo avrebbero automaticamente allineato l’aereo come forma di sicurezza. Ma ha usato la cosiddetta “discesa controllata”, che ha permesso di aggirare i computer di bordo. La polizia ha comunicato di aver fatto una scoperta significativa perquisendo la casa di Andreas Lubitz. Una tragedia senza senso, la domanda che tutti si pongono è: perché Lubitz ha voluto trascinare all’inferno con sé altre 149 persone innocenti?

Foto: Twitter

advertisement