advertisement

Caso choc di razzismo: rifiuta l’operazione perché il compagno di sala è nero

Redazione gio 13 ottobre 2016

L’episodio è avvenuto in un ospedale della Brianza, dove un 35enne ha firmato il foglio delle dimissioni dall’ospedale perché il compagno di sala è nero

advertisement

ospedale

Un deprecabile e censurabile episodio di razzismo si è verificato in un ospedale della Brianza, a Vimercate, dove un 35enne del posto ha rifiutato di sottoporsi all’operazione perché il suo compagno di stanza era nero. L’uomo era stato ricoverato per un semplice intervento di routine, ma alla vista del suo compagno di stanza è esploso urlando all’infermiera: “Con quel negro in stanza non ci voglio stare, cambiatemi posto, oppure me ne vado immediatamente”. É stato necessario l’intervento della caposala, che non ha potuto fare altro che comunicare al paziente che non era possibile effettuare il cambio di stanza.

L’uomo non ci ha pensato su due volte, ed ha realmente chiesto di essere dimesso rinunciando di fatto all’operazione. Così, dopo aver firmato il foglio delle dimissioni dall’ospedale, ha preso armi e bagagli e se n’è tornato a casa, solo perché il suo compagno di stanza era di colore. Pasquale Pellino, che dirige l’azienda nel territorio, censura il gesto anche se spiega che è la prima volta che succede una cosa del genere. Sottolinea che nella zona c’è un forte impegno per fornire cure a tutti i pazienti, anche agli stranieri. Inoltre dichiara che anche dal punto di vista dell’integrazione c’è un impegno molto attivo, dal momento che nel pronto soccorso c’è anche un traduttore simultaneo 24 ore su 24.

advertisement