advertisement

Canada: obliteratrice si guasta, lasciano soldi sopra

Giuseppe mer 13 novembre 2013

Come raccontato da un napoletano residente in Canada su IlMattino, al guasto di un obliteratrice i pendolari lasciano i soldi sull’apparato guastatosi.

advertisement
Canada: obliteratrice si guasta, lasciano soldi sopra

Visti i tempi che corrono, un’immagine del genere non ce la saremmo mai e poi mai aspettata. Il sistema ferroviario nel nostro paese risulta al quanto deficitario, soprattutto nelle grandi città del centro e del sud, e la situazione risulta ulteriormente aggravata dal mancato acquisto e/o obliterazione dei biglietti per viaggiare in treno e coi mezzi pubblici. Se poi si guasta uno degli apparati obliteratrici, ciò rappresenta spesso un motivo in più per poter “evitare” l’obliterazione.

Non in Canada. Come testimoniato da questo napoletano, residente nel paese nordamericano da 20 anni, i pendolari canadesi hanno deciso di agire di conseguenza alla visione della rottura di un’obliteratrice, posandoci sopra i soldi destinati ai biglietti, impossibili ovviamente da obliterare in tale frangente. Nessuno osava “rubare” i soldi lasciati incustoditi, il tutto con la massima civiltà. Ecco la testimonianza completa in formato “lettera”, pubblicata da IlMattino:

Gentile redazione del Mattino, sono napoletano e vivo in Canada da circa 20 anni. L’onestà degli ormai miei compatrioti canadesi non cessa di sorprendermi. In una stazione della metropolitana di Toronto i passeggeri entranti si son trovati di fronte ad una macchinetta guasta, e senza controllori.

Questo è stato il risultato: spontaneamente i cittadini, me compreso, hanno pagato il biglietto lasciando i soldi incustoditi sull’obliteratrice per poi entrare e prendere il treno. Il tutto senza che nessuno si sorprendesse dell’atto di profonda civiltà e nessuno ha toccato un centesimo.

Se una cosa del genere non l’avessi vista con i miei occhi, non ci avrei mai creduto.

Il Canada risulta, quasi per definizione, un paese estremamente civile, dove l’educazione regna sovrana e i crimini commessi sembrano contarsi sulle dita di una sola mano, e questa ne è l’ennesima dimostrazione. Al contrario dell’Italia, ovviamente, dove ormai se ne vedono di cotte e di crude, eventi ai limiti della legalità e del bene comune, per una reputazione italiota che, nel mondo, va sempre più ad incrinarsi.

Foto: IlMattino

advertisement