advertisement

Calabria, “Non accettiamo gay e animali” in un bed and breakfast

Luca lun 24 luglio 2017

In Calabria, a Santa Maria, i proprietari di un bed and breakfast non accettano animali e gay; due clienti costretti a contattare l’Arcigay di Napoli

advertisement
Calabria, “Non accettiamo gay e animali” in un bed and breakfast

Poche parole, scritte tutte in una riga, hanno creato grande scandalo in Calabria. Sul sito booking.com, un bed and breakfast, tra le prerogative e le regole della struttura, ha scritto “Non accettiamo gay e animali”.

Questa scritta è stata notata subito da due ragazzi napoletani che volevano trascorrere le vacanze in quel luogo, a Santa Maria, frazione di Ricadi. I due ragazzi, indignati dalla scritta si sono messi in contatto con l’Arcigay di Napoli per raccontare la loro esperienza. Evidente il ricordo ai cartelli nazisti che selezionavano le persone che dovevano entrare nei luoghi pubblici facendo differenze molto simili.

I due ragazzi erano alla ricerca di una sistemazione per le loro vacanze a fine agosto e avevano trovato questo bed and breakfast, che li aveva convinti e avevano quindi già prenotato. Poco dopo il proprietario della struttura li ha contattati su WhatsApp chiedendo loro maggiori informazioni. Tra i vari messaggi, ad un certo punto, sono comparse le parole ormai famose e da lì sono partiti sorpresa e disgusto.

L’associazione Arcigay di Napoli, tramite un comunicato, ha detto di voler l’esclusione del bed and breakfast da tutti i siti online di prenotazione vacanze e che lo stesso provvedimento venga applicato a tutte le strutture che hanno prerogative simili.

advertisement