advertisement

Monumenti del fascismo: fotogallery dei più belli in Italia

Redazione sab 18 aprile 2015

E’ polemica dopo le dichiarazioni della Boldrini relative alla cancellazione della scritta “Mussolini Dux” sull’obelisco del Foro Italico

advertisement

Hanno fatto molte rumore le parole della presidente della Camera Laura Boldrini, a margine della cerimonia per celebrare il 70esimo anniversario della Resistenza, circa l’incisione sull’obelisco del Foro Italico a Roma che recita “Mussolini dux”. La Boldrini ha incontrato una delegazione di ex partigiani, che le avrebbero chiesto di ripulire l’Italia dai monumenti fascisti. La presidente della Camera si è attirata critiche sia da destra che da sinistra. Matteo Orfini, commissario Pd Roma e presidente Pd nazionale, ha commentato così: “Noi siamo un paese antifascista. I principi della lotta antifascista sono scritti nella nostra Costituzione. Non abbiamo bisogno di cancellare la nostra memoria, seppur a tratti drammatica. Credo che la “damnatio memoriae” sia un elemento di debolezza e non di forza da parte di chi la esercita”.

advertisement

Francesco Storace, vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio e segretario nazionale de La Destra, ha commentato positivamente le parole di Orfini con un post su Twitter: “Orfini mejo de Fini. Il presidente del Pd ha dato una lezione alla Boldrini, a cui dà fastidio la storia nazionale. La presidente della Camera scoprirà prima o poi l’Istituto della Previdenza Sociale, fondato nel 1933, e proporrà di abolire direttamente le pensioni…”. Tuttavia Roberto Natale, portavoce della Boldrini, ha smentito che la presidente della Camera abbia intenzione di abbattere gli edifici del fascismo. La sua era solo una battuta sulla scritta “Mussolini dux” sull’obelisco del foro italico.

L’argomento è piuttosto delicato. Il fascismo ha rappresentato probabilmente il periodo più buio della storia italiana. Mussolini trascinò in guerra un paese che non aveva né i mezzi economici né quelli tecnologici per sostenere un conflitto di così ampia portata, con migliaia e migliaia di giovani mandati a morire. Senza dimenticare la politica razzista ed antisemita che portò alla creazione di campi di concentramento anche in Italia, in seguito all’alleanza con la Germania hitleriana. Ma, volenti o nolenti, il fascismo ha fatto parte della storia d’Italia e la memoria, con tutti i suoi lati oscuri e negativi, non va mai cancellata proprio per non dimenticare. Ti proponiamo una gallery dei monumenti del fascismo in Italia che esistono ancora oggi.